Donna resta incinta mentre è già in attesa di un altra bimba (FOTO)

1499

Quando nel 2006 a Kate Hill venne diagnosticata la sindrome dell’ovaio policistico, la donna capì che era quello il motivo per il quale non riusciva ad avere figli naturalmente (la patologia impedisce infatti l’ovulazione). Da qui la decisione di sottoporsi alla terapia ormonale, così che lei e il marito Peter potessero continuare a coltivare la speranza di una famiglia, e dieci mesi fa gli Hill sono diventati gli orgogliosi (e ancor’oggi increduli) genitori di Charlotte e Olivia, nate entrambe nel dicembre del 2015 ma concepite a dieci giorni di distanza l’una dall’altra.

A rendere possibile quello che a Brisbane (ma non solo lì) è stato salutato come un vero e proprio miracolo è stato in realtà un raro fenomeno fisiologico (appena una decina i casi accertati), scientificamente noto come «superfetazione», che si verifica quando, dopo la fecondazione di un ovulo e la conseguente formazione di un feto all’interno dell’utero, si manifesta spontaneamente un altro ciclo mestruale e, quindi, la fecondazione di un altro ovulo.

CONDIVIDI