Ricordati che devi morire: l’arte orientale del bonsai si fonde con l’iconografia cristiana

593

Memento mori è una nota locuzione in lingua latina. La frase trae origine da una particolare usanza tipica dell’antica Roma: quando un generale rientrava nella città dopo un trionfo bellico e sfilando nelle strade raccoglieva gli onori che gli venivano tributati dalla folla, correva il rischio di essere sopraffatto dalla superbia e dalle smanie di grandezza. Per evitare che ciò accadesse qualcuno, alle sue spalle, gli pronunciava la frase: “Respice post te. Hominem te memento” (Guarda dietro a te. Ricordati che sei un uomo).

Il Memento mori diventa poi popolare nella pittura cristiana della Controriforma, nell’ambito della natura morta. L’esempio più tipico è quello di un teschio posizionato accanto a fiori o frutta.

Questa scultura, chiamata Jack of the Dust, è stata creata sulla base di un vero cranio di un uomo sul quale è stato integrato un giardino bonsai:

Ricordati che devi morire: larte orientale del bonsai si fonde con liconografia cristiana

Ricordati che devi morire: larte orientale del bonsai si fonde con liconografia cristiana

Ricordati che devi morire: larte orientale del bonsai si fonde con liconografia cristiana

Ricordati che devi morire: larte orientale del bonsai si fonde con liconografia cristiana

Ricordati che devi morire: larte orientale del bonsai si fonde con liconografia cristiana

Ricordati che devi morire: larte orientale del bonsai si fonde con liconografia cristiana

Ricordati che devi morire: larte orientale del bonsai si fonde con liconografia cristiana

CONDIVIDI