Nel 1879 impiegò 33 anni a costruire un palazzo di ciottoli: oggi è monumento nazionale di Francia

944

Oggi vi raccontiamo la storia di una delle opere architettoniche più eccentriche della storia recente, Il palazzo Ideale del postino Cheval, in francese palais Idéal du facteur Cheval, è un edificio situato nel paese di Hauterives, nel dipartimento francese della Drôme.

cheval1

L’origine di questa curiosa opera architettonica risiederebbe in un fatto, apparentemente banale, che accadde al suo autore: Ferdinand Cheval nel 1879. Secondo quanto da lui riferito, camminando nei paraggi del terreno dove in seguito sorse l’edificio, inciampò in una pietra dalla forma particolare e articolata. Egli la raccolse e le diede il nome di «pierre d’achoppement» (pietra d’inciampo). Ritornato sul luogo dove l’aveva trovata, scoprì che il terreno ne conservava molte altre dalle forme simili; la particolare morfologia naturale di questi massi lo avrebbe incuriosito e stimolato al punto di collezionarli sistematicamente, formando una vasta raccolta che in seguito lo portò a costruire, da vero e proprio architetto autodidatta, il suo “palazzo immaginario”.

cheval2

Advertisement

cheval3

Pur senza avere nozioni di architettura e dei materiali da costruzione, per ben 33 anni Ferdinand Cheval trascorse molte ore del suo tempo libero a realizzare autonomamente il suo sogno, talvolta anche di notte, rischiarato soltanto dalla fioca luce di una lampada a petrolio. Nel 1969 il Palais Idéal du facteur Cheval venne riconosciuto monumento nazionale di Francia dal ministro della cultura André Malraux e dichiarato, con un decreto del 12 settembre 1975, simbolo culturale e patrimonio da tutelare; dal 1983 al 1993 fu effettuato un intervento di restauro conservativo del palazzo e dei giardini. Nel 1994 il comune di Hauterives acquista il palazzo, visitato ogni anno da migliaia di turisti.

cheval4

cheval7

cheval8

cheval9

cheval10

cheval11