L’incredibile storia di Olive Oatmanè, la prima donna al mondo tatuata sul viso nel 1851

6547

Olive Oatmanè stata la prima donna bianca tatuata nella storia dell’Occidente. Il suo tatuaggio era un azzardo anche per gli standard di oggi: 5 barre blu verticali che correvano dal suo labbro inferiore alla base del mento, ma la sua storia non era purtroppo legata a un mero capriccio da giovane donzella di una famiglia ricca, ma la triste storia di una donna rapita dagli indiani d’america costretta a subire di tutto! Leggete!

Nel 1851, all’età di 13 anni, Oatman e la sua famiglia partirono da dell’Illinois in California, lungo la strada la famiglia perse l’orientamento e finì in quella che è oggi conosciuto come l’Arizona. Qui vennero attaccati dagli indiani Yavapai, morirono tutti tranne lei e la sorella Mary Ann. Le due sorelle vennero fatte prigioniere dai Yavapais e divennero schiave per un anno fino a quando non furono vendute a una tribù Mohave. Fu questa tribù a tatuarle con la polvere da terra pietre blu. Mary Ann morì di fame e Oliva continuò a vivere con le persone Mohave, che la trattavano come uno di loro. Nel 1856 un esercito di ricerca fu lanciato per Mary Ann e Olive Oatman che fu ritrovata dopo due mesi e riportata a vivere nell’America bianca. Oliva fu psicologicamente devastata dalla rimozione della sua tribù adottiva. Qualche tempo dopo cominciò a vendere la sua storia e parlare in pubblico.

Olive Oatman (1)

Olive Oatman (2)

Advertisement

Olive Oatman (3)

Ecco come apparirebbero a colori Olive e il suo tatuaggio:

MV5BMTAxODg5MTg5ODdeQTJeQWpwZ15BbWU4MDY1NTc2MzIx._V1__SX1214_SY1012_