Spettri rossi, il raro fenomeno atmosferico catturato per la prima volta da un fotografo, e proprio in Italia

1239

Per decenni solo i piloti di linea sono state le uniche persone ad avere la fortuna di avvistare questo incredibile fenomeno naturale conosciuto come gli spettri rossi. Pochi giorni fa un fotografo sloveno che si trovava in giro per l’italia è riuscito per la prima volta nella storia dell’uomo a immortalare questi magnifici e rarissimi fenomeni naturali, e proprio nel nostro paese, a Vivaro, in provincia di Pordenone.

Ma cosa sono questi spettri rossi?

In poche parole succede questo: alcune scariche elettriche possono fuoriuscire dalla parte superiore dell’atmosfera compresa tra i 70 e i 110 chilometri sulla superficie terrestre, in contrasto ai fulmini tradizionali che si scaricano tra nubi o verso il suolo ad altezze notevolmente inferiori. Si tratta di un fenomeno sino ad ora poco conosciuto accomunato ai fenomeni temporaleschi, di regola associato alla ionizzazione dell’aria e raramente osservabile a occhio nudo. Gli spettri rossi in genere hanno una durata inferiore ai dieci millesimi di secondo e si manifestano in corrispondenza di fulmini di elevata intensità di corrente elettrica. La loro colorazione, tipicamente rosso – blu, è dovuta alla forte presenza nell’atmosfera terrestre di azoto.

Guardate queste magnifiche foto scattate a Vivaro, perchè è la prima volta che l’uomo le vede dalla terra ferma:

1412251081964_Image_galleryImage_These_spectacular_picture

1412251118813_Image_galleryImage_These_spectacular_picture

1412251243527_Image_galleryImage_These_spectacular_picture

1412251244959_wps_15_These_spectacular_picture