Morto Lorenzo, il bimbo simbolo della lotta all’Ilva: il dramma del papà su Facebook

1454

C_4_articolo_2060484__ImageGallery__imageGalleryItem_2_image

Lorenzo non ce l’ha fatta. Il bimbo di Taranto di cinque anni a cui fu diagnosticato un tumore al cervello a tre mesi dalla nascita si è spento mercoledì. Ad annunciarlo il padre, Mauro Zaratta, su Facebook: “Lorenzino ci ha fatto uno scherzetto, è voluto diventare un angioletto”. L’uomo denunciò il suo dramma nel 2012 durante una manifestazione contro l’inquinamento a Taranto.

C_4_articolo_2060484__ImageGallery__imageGalleryItem_3_image

“Nessuno è in grado di dimostrare il nesso di causalità tra il tumore di Lorenzo e i fumi dell’Ilva – disse sul palco – ma la mia famiglia lavorava lì e i miei nonni, mia mamma sono morti di tumore. Mio suocero anche era all’Ilva e mia moglie, durante la gravidanza, lavorava nel quartiere Tamburi. E tutti sappiamo che da quei camini non esce acqua di colonia, ma gas in grado di modificare il Dna e provocare errori genetici come quello di mio figlio”.