Bimbo malato di tumore disdice la crociera per operarsi e la compagnia non rimborsa la famiglia

643

20140728_75360_072714_ff_cancer_640

Sono stati costretti a rinunciare alla crociera dei sogni dopo che al loro bambino di 5 anni è stato diagnosticato un tumore al fegato per il quale era necessario operarlo subito. Ma la compagnia ha fatto sapere loro che non saranno rimborsati. Protagonisti della triste vicenda è la famiglia Colucci di New York: i genitori e due figli dovevano partire a bordo della Norwegian Cruise Line lo scorso 1 giugno. Ma al piccolo Nicholas è stato diagnosticato un tumore al fegato il 27 maggio e doveva essere operato subito, per poi sottoporsi a chemioterapia.

La famiglia si è rivolta alla compagnia per spostare il viaggio o comunque farsi dare un rimborso, ma la Cruise Line ha risposto che qualsiasi cancellazione entro i 14 giorni è soggetta ad una penale del 100 per cento. La famiglia insomma dovrebbe pagare 4mila dollari, soldi che non ha perché servono a curare Nicholas.