Smog in cina: 12 foto testimoniano l’inquinamento letale

1401

Giornate così inquinate che non è possibile vedere a 50 metri di distanza, a volte perfino meno: l’Organizzazione Mondiale della Salute dice che le micro-particelle PM2,5 non sono dannose alla salute se sono fino ad un massimo di 25 microgrammi per metro cubo: in Cina ne vengono registrate spesso 1000 microcrammi.

A Pechino, le scuole di élite hanno costruito bolle dentro le quali vi è aria purificata, per consentire ai bambini di fare sport e uscire dalle classi. Zhongnanhai, dove ha sede il governo cinese, è protetta da potenti purificatori d’aria. Ma il resto di Pechino, come il Nord-Est cinese e mille altre città, da Lanzhou (la più inquinata, nel nord-ovest), Urumqi o Changchun, affrontano un’aria sempre più irrespirabile. Un piano governativo ora vorrebbe diminuire l’inquinamento del 25% con una spesa di circa 30 miliardi di euro – ma le misure proposte comprendono palliativi come la circolazione delle auto a targhe alterne, e chiusure temporanee di autostrade e aeroporti.

look_chinas_smogpocalypse_01

look_chinas_smogpocalypse_02

Advertisement

look_chinas_smogpocalypse_03

look_chinas_smogpocalypse_04

look_chinas_smogpocalypse_05

look_chinas_smogpocalypse_06

look_chinas_smogpocalypse_07

look_chinas_smogpocalypse_08

look_chinas_smogpocalypse_09

look_chinas_smogpocalypse_10

look_chinas_smogpocalypse_11

look_chinas_smogpocalypse_12