Senzatetto riceve un assegno da 200 euro durante la messa: “Me lo ha inviato Papa Francesco”

1060

papa-francesco_h_partb

E’ salito all’altare, forse stupito dalla chiamata nel cuore della celebrazione, davanti al Patriarca di Venezia, e con sorpresa dalle mani del parroco ha ricevuto un assegno di 200 euro, un aiuto economico per lui, uomo ‘senza dimora’, mandatogli da un connazionale, Papa Francesco.

A fare da tramite tra il Pontefice, attraverso il documento emesso dall’Elemosiniere del Vaticano, e un argentino da anni nell’area popolare della Cita, dominata da torri e palazzoni, don Nandino Capovilla, nel giorno del suo insediamento nella parrocchia a Marghera. “Il Papa – dice il sacerdote, con un tono di voce che sprizza gioia – non finisce di stupirci, di dirci che le persone, le loro storie vere, devono essere al centro dei nostri pensieri e opere. E’ un gesto – aggiunge, pensando a quell’assegno ricevuto dal Vaticano con l’invito a consegnarlo al parrocchiano in difficoltà – importante non solo per i soldi, per l’aiuto a una persona in difficoltà economica, ma per l’indicazione che continua ad arrivarci da Papa Francesco: è l’attenzione che dobbiamo avere per la singola persona e che diventa giudizio per un intero sistema”.