Qatar, si preparano i mondiali della vergogna sulla pelle dei lavoratori

1056

l43-qatar-130506110850_medium

Un lavoratore al giorno. Questo è il vero e proprio bollettino di guerra che arriva dal Qatar, dove da quando sono stati fissati i mondiali di calcio nel 2022, si assiste a una vera e propria mattanza di lavoratori. Lo ha sottolineato l’autorevole The Guardian, che ha rivelato che nella costruzione degli impianti per i mondiali morirebbe almeno un lavoratore al giorno. Muoiono per assenza di acqua e arresti cardiaci, costretti a lavorare come schiavi a temperature proibitive e spesso con gli stipendi “sequestrati” per evitare che fuggano.

Si tratta quasi esclusivamente di migranti provenienti dalle regioni più povere del mondo che giungono in Qatar seguendo un sistema tutto particolare: ovvero per lavorare in Qatar hanno bisogno di uno sponsor, che quasi sempre diventa il loro datore di lavoro.