Joele, ucciso a 19 anni in Inghilterra perché italiano. “rubi il lavoro ai ragazzi inglesi”

1708

20131023_55902_1044201_10200576503832852_1622055779_n

“Ci rubi il lavoro”. Con questa giustificazione è stato ucciso Joele Leotta, 19enne di Nibionni (in provincia di Lecco), da 10 giorni in Gran Bretagna per un periodo di studio e lavoro.

E’ successo a Maidstone, capitale del Kent, dove Joele è stato massacrato di botte nel suo appartamento, nel quale alloggiava da poco più di una settimana. Gli assassini sono otto ragazzi inglesi fra i 21 e i 25 anni. Da qualche giorno la vittima lavorava in un ristorante, insieme al suo amico Alex Galbiati, dove domenica scorsa è iniziata una lite sfociata poi nell’esecuzione da parte degli otto ragazzi.

“Ci rubate il lavoro e occupate un letto nostro”, l’accusa che ha portato questo gruppo di coetani ad insultare i due italiani. Poi a seguire la spedizione punitiva sfociata nell’omicidio di Joele, con l’irruzione nel suo appartamento.