Dal 10 ottobre aumenta il prezzo della birra: colpa delle tasse

37

boccale-birra2-300x225

Dal 10 ottobre un litro birra potrebbe costare anche sette centesimi in più. E da gennaio la cifra potrebbe aumentare. Effetto della raffica di aumenti previsti sulle accise degli alcolici dal decreto Scuola, non ancora convertito in legge, ma già di fatto operativo. E che si va a sommare all’aumento dell’aliquota Iva dal 21 al 22% già scattato il primo ottobre. Secondo la tabella di marcia stabilita nel provvedimento, il primo “ritocco” dell’accisa è previsto per il 10 ottobre 2013. Gli altri aumenti sono stati fissati per il primo gennaio 2014 e il primo gennaio 2015.

Il risultato finale è che le tasse sulla birra potrebbero aumentare del 35% in meno di 15 mesi. L’unica via di uscita sarebbe quella di intervenire in Commissione Istruzione alla Camera – dove si discute il decreto Scuola – con un emendamento entro domani, giorno in cui è fissato il termine ultimo per gli emendamenti (il decreto sarà convertito in legge l’11 novembre). Ma al momento i produttori hanno presentato una sola modifica, che probabilmente non la spunterà.