Trovati piombo e arsenico nei liquidi delle sigarette elettroniche

2149

img1024-700_dettaglio2_sigarette-elettronicheNon c’è pace per gli svapatori. Dopo che a giugno il Salvagente aveva denunciato una presenza eccessiva di arsenico e di altri metalli pesanti nelle ricariche di sigarette elettroniche in vendita in Italia e, qualche giorno fa è stata la Francia a mostrare una presenza di sostanze potenzialmente cancerogene nel fumo elettronico, ora è di nuovo il nostro settimanale dei consumatori italiano a sollevare pesanti interrogativi. E lo fa con un test su 30 liquidi per e-cig pubblicato sul numero in edicola da giovedì 5 settembre e da oggi nel nostro negozio on line. Un’analisi, commissionata dal Salvagente all’Università Federico II di Napoli, infatti, scopre la presenza di piombo, arsenico, cromo e altri metalli pesanti.

Anafe (l’Associazione nazionale fumo elettronico) replica oggi che le le aziende associate “rispettano la normativa vigente in Italia e lavorano con elevati standard di sicurezza e qualità”.